PremiumCinema - Programmi Tv di Oggi 21/07/18

Nota: Questo Canale necessita di un Abbonamento. Consulta il sito ufficiale per informazioni..

Edge of tomorrow - senza domani

Gli alieni, denominati "Mimic" a causa delle loro grandi capacità di imitare le tecniche militari terrestri, stanno invadendo l’Europa continentale. Per contrastarne l’avanzata è stato creato un sofisticato esoscheletro cibernetico. Il maggiore William Cage (Tom Cruise), addetto alle pubbliche relazioni dell'Esercito Americano, viene scelto dal generale dell'esercito britannico Bringham (Brendan Gleeson) perchè si unisca alla prima operazione di difesa, finalizzata a filmare con la propria troupe lo sbarco per incoraggiare l’arruolamento massiccio di nuove reclute. In risposta al suo rifiuto, il generale ordina l’immediato arresto del maggiore Cage, la degradazione a soldato semplice e l’immediato arruolamento nelle forze di sbarco del Sergente Farrell (Bill Paxton) a Heathrow, plotone di cui fa parte la soldatessa Rita Vrataski (Emily Blunt), chiamata l'Angelo di Verdun divenuta un simbolo a seguito di una gloriosa vittoria da lei riportata in battaglia. Non avendo partecipato mai a nessun combattimento, l’impreparato soldato Cage viene ucciso in pochi minuti ma incredibilmente si risveglia sempre nello stesso punto, all'inizio di quella prima giornata da disertore ed è costretto a combattere e a morire ancora e ancora, in un continuo loop temporale... “Edge of Tomorrow - Senza domani” (Edge of Tomorrow) è un film di fantascienza diretto da Doug Liman nel 2014, trasposizione cinematografica del romanzo giapponese 'All You Need Is Kill', scritto da Hiroshi Sakurazaka ed illustrato da Yoshitoshi ABe. Nel cast inoltre citoamo: Noah Taylor (Dott. Carter), Jonas Armstrong (Skinner), Kick Gurry (Griff), Franz Drameh (Ford), Dragomir Mrsic, Tony Way, Charlotte Riley. Noah Taylor (Dott.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 01:04:00 2018-07-21 02:56:00 Europe/Rome Edge of tomorrow - senza domani Gli alieni, denominati "Mimic" a causa delle loro grandi capacità di imitare le tecniche militari terrestri, stanno invadendo l’Europa continentale. Per contrastarne l’avanzata è stato creato un sofisticato esoscheletro cibernetico. Il maggiore William Cage (Tom Cruise), addetto alle pubbliche relazioni dell'Esercito Americano, viene scelto dal generale dell'esercito britannico Bringham (Brendan Gleeson) perchè si unisca alla prima operazione di difesa, finalizzata a filmare con la propria troupe lo sbarco per incoraggiare l’arruolamento massiccio di nuove reclute. In risposta al suo rifiuto, il generale ordina l’immediato arresto del maggiore Cage, la degradazione a soldato semplice e l’immediato arruolamento nelle forze di sbarco del Sergente Farrell (Bill Paxton) a Heathrow, plotone di cui fa parte la soldatessa Rita Vrataski (Emily Blunt), chiamata l'Angelo di Verdun divenuta un simbolo a seguito di una gloriosa vittoria da lei riportata in battaglia. Non avendo partecipato mai a nessun combattimento, l’impreparato soldato Cage viene ucciso in pochi minuti ma incredibilmente si risveglia sempre nello stesso punto, all'inizio di quella prima giornata da disertore ed è costretto a combattere e a morire ancora e ancora, in un continuo loop temporale... “Edge of Tomorrow - Senza domani” (Edge of Tomorrow) è un film di fantascienza diretto da Doug Liman nel 2014, trasposizione cinematografica del romanzo giapponese 'All You Need Is Kill', scritto da Hiroshi Sakurazaka ed illustrato da Yoshitoshi ABe. Nel cast inoltre citoamo: Noah Taylor (Dott. Carter), Jonas Armstrong (Skinner), Kick Gurry (Griff), Franz Drameh (Ford), Dragomir Mrsic, Tony Way, Charlotte Riley. Noah Taylor (Dott. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





The transporter legacy

Frank Martin (Ed Skrein) è considerato il miglior autista dalla criminalità organizzata della Costa Azzurra, la cui politica è: mai cambiare i patti, mai fare nomi e mai fare domande. Tutto questo funziona finché non incontra Anna (Loan Chabanol), una donna che vuole vendicarsi dell’uomo che l’ha costretta a prostituirsi quindici anni prima. Ma la protagonista indiscussa della vicenda è la macchina: l’Audi A8 risulta indistruttibile, la carta vincente contro i cattivi. Per Frank è la compagna perfetta durante gli inseguimenti, ma è anche sullo sfondo nelle scene di lotta fisica. Non poteva mancare anche un ingrediente sentimentale, solo che in questo caso non si tratta di moglie e figli; il protagonista per due volte mette la retromarcia e corre in aiuto del padre. Dal 2002 i tre capitoli di ‘The Transporter’ hanno entusiasmato il pubblico in tutto il mondo, e il quarto, "The Transporter Legacy" del 2015, diretto di Camille Delamarre, non è da meno. Nel cast, oltre agli attori sopracitati, troviamo anche: Ray Stevenson (Frank Martin Sr.), Gabriella Wright (Gina), Tatiana Pajkovic (Maria). Ray Stevenson (Frank Martin Sr.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 02:56:00 2018-07-21 04:30:00 Europe/Rome The transporter legacy Frank Martin (Ed Skrein) è considerato il miglior autista dalla criminalità organizzata della Costa Azzurra, la cui politica è: mai cambiare i patti, mai fare nomi e mai fare domande. Tutto questo funziona finché non incontra Anna (Loan Chabanol), una donna che vuole vendicarsi dell’uomo che l’ha costretta a prostituirsi quindici anni prima. Ma la protagonista indiscussa della vicenda è la macchina: l’Audi A8 risulta indistruttibile, la carta vincente contro i cattivi. Per Frank è la compagna perfetta durante gli inseguimenti, ma è anche sullo sfondo nelle scene di lotta fisica. Non poteva mancare anche un ingrediente sentimentale, solo che in questo caso non si tratta di moglie e figli; il protagonista per due volte mette la retromarcia e corre in aiuto del padre. Dal 2002 i tre capitoli di ‘The Transporter’ hanno entusiasmato il pubblico in tutto il mondo, e il quarto, "The Transporter Legacy" del 2015, diretto di Camille Delamarre, non è da meno. Nel cast, oltre agli attori sopracitati, troviamo anche: Ray Stevenson (Frank Martin Sr.), Gabriella Wright (Gina), Tatiana Pajkovic (Maria). Ray Stevenson (Frank Martin Sr. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





5 films about technology

VISIONE ADATTA A TUTTI. La tecnologia moderna (social, dispositivi informatici e web) influisce molto sulla nostra vita, ma non sempre positivamente! Peter Huang Kate Drummond Jonathan Keltz Spencer Macpherson Michelle Mylett.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 04:30:00 2018-07-21 04:39:00 Europe/Rome 5 films about technology VISIONE ADATTA A TUTTI. La tecnologia moderna (social, dispositivi informatici e web) influisce molto sulla nostra vita, ma non sempre positivamente! Peter Huang Kate Drummond Jonathan Keltz Spencer Macpherson Michelle Mylett. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Romanzo criminale (Di m. Placido)

Roma, fine anni Settanta. Sono anni turbolenti. il Libanese (Pierfrancesco Favino), ambizioso leader di una piccola ma agguerrita batteria di Trastevere, ha fatto la gavetta maturando una convinzione: se comandano tutti vuol dire che non comanda nessuno. Roma è lì, in attesa di qualcuno che abbia il fegato e la forza di prendersela. Ma coraggio e idee non bastano. Servono uomini e, a parte i fidati Dandi (Claudio Santamaria), Bufalo (Francesco Venditti) e Scrocchiazeppi (Daniele Miglio), il Libanese ha pochi effettivi. E poi servono le armi e, soprattutto, i soldi per comprarle. E' in questo momento che il Libanese fa un incontro decisivo con il Freddo (Kim Rossi Stuart) e la sua batteria, i fratelli Buffoni (Antonello Fassari e Roberto Brunetti) e Fierolocchio (Giorgio Careccia) anche loro in attesa della grande occasione. Il Libanese e Freddo sono diversi come il sole e la luna, ma si capiscono al primo sguardo. Una stretta di mano e le due batterie diventano una banda, anzi la Banda... Reclutato il Nero (Riccardo Scamarcio), uno spietato neonazista esperto di arti marziali, rapiscono un ricco possidente. Investono poi i soldi del riscatto nel traffico dell'eroina mettendo in piedi una vera organizzazione che riesce in poco tempo ad assumere il controllo assoluto del traffico di droga. Presto le loro mire si espandono verso altri campi, dalla prostituzione al gioco d'azzardo e si alleano con la mafia siciliana, oltre ad ottenere la protezione degli "uomini senza volto", a cui lo Stato affida lavori sporchi. E mentre le forze dell'ordine, impegnate nella lotta al terrorismo, sottovalutano la portata di questa nuova banda, l'unico a intuirne la forza devastante è il commissario Scialoja (Stefano Accorsi)... "Romanzo criminale" è un film di Michele Placido ispirato alla storia della Banda della Magliana e tratto dall'omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo del 2002. Il film si è aggiudicato otto David di Donatello 2006, cinque Nastri d'argento 2006, e due Ioma 2006.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 04:39:00 2018-07-21 07:12:00 Europe/Rome Romanzo criminale (Di m. Placido) Roma, fine anni Settanta. Sono anni turbolenti. il Libanese (Pierfrancesco Favino), ambizioso leader di una piccola ma agguerrita batteria di Trastevere, ha fatto la gavetta maturando una convinzione: se comandano tutti vuol dire che non comanda nessuno. Roma è lì, in attesa di qualcuno che abbia il fegato e la forza di prendersela. Ma coraggio e idee non bastano. Servono uomini e, a parte i fidati Dandi (Claudio Santamaria), Bufalo (Francesco Venditti) e Scrocchiazeppi (Daniele Miglio), il Libanese ha pochi effettivi. E poi servono le armi e, soprattutto, i soldi per comprarle. E' in questo momento che il Libanese fa un incontro decisivo con il Freddo (Kim Rossi Stuart) e la sua batteria, i fratelli Buffoni (Antonello Fassari e Roberto Brunetti) e Fierolocchio (Giorgio Careccia) anche loro in attesa della grande occasione. Il Libanese e Freddo sono diversi come il sole e la luna, ma si capiscono al primo sguardo. Una stretta di mano e le due batterie diventano una banda, anzi la Banda... Reclutato il Nero (Riccardo Scamarcio), uno spietato neonazista esperto di arti marziali, rapiscono un ricco possidente. Investono poi i soldi del riscatto nel traffico dell'eroina mettendo in piedi una vera organizzazione che riesce in poco tempo ad assumere il controllo assoluto del traffico di droga. Presto le loro mire si espandono verso altri campi, dalla prostituzione al gioco d'azzardo e si alleano con la mafia siciliana, oltre ad ottenere la protezione degli "uomini senza volto", a cui lo Stato affida lavori sporchi. E mentre le forze dell'ordine, impegnate nella lotta al terrorismo, sottovalutano la portata di questa nuova banda, l'unico a intuirne la forza devastante è il commissario Scialoja (Stefano Accorsi)... "Romanzo criminale" è un film di Michele Placido ispirato alla storia della Banda della Magliana e tratto dall'omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo del 2002. Il film si è aggiudicato otto David di Donatello 2006, cinque Nastri d'argento 2006, e due Ioma 2006. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Tutti contro tutti

Agostino (Rolando Ravanello) è un modesto muratore, che vive con la moglie Anna (Kasia Smutniak), i figli Lorenzo (Raffaele Lorio) ed Erica (Agnese Ghinassi), e l'anziano nonno Rocco (Stefano Altieri), in un piccolo appartamento in affitto in una palazzina alla periferia di Roma. Quello che sembra un giorno di festa, come i festeggiamenti per la prima comunione di Lorenzo, si trasforma in realtà in un vero e proprio incubo. Di ritorno dalla cerimonia, infatti, la famiglia trova la propria casa occupata abusivamente dalla famiglia meridionale dei Rizzuti e la serratura della porta cambiata.In un primo momento Agostino, tenta con le buona maniere di dialogare con la famiglia occupante ma senza risultati, e dopo essersi recato alla polizia per denunciare l'accaduto scopre che l'affitto veniva pagato in nero, senza nessun tipo di contratto e che quindi non ha alcun diritto di riappropriarsi della propria casa.Agostino non demorde, e deciso a riprendersi casa, occupa con tutta la famiglia e il cognato Sergio (Marco Giallini), il pianerottolo della palazzina, costruendosi un bagno sul terrazzo condominiale e inziando a suscitare l'ostilità dei suoi vicini che temono l'occupazione dei loro appartamenti da parte di Agostino.Ma ben presto la situazione precipita, e la lotta tra la famiglia dei Rizzuti e quella di Agostino finisce per coinvolgere l'intero e multietnico condominio. In questa guerra epocale, sarà necessario un piano ingegnoso per rivendicare il diritto inalienabile ad una casa. "Tutti contro tutti" è un film del 2013, diretto e sceneggiato dall'attore teatrale Rolando Ravello, che aveva incarnato lo stesso personaggio a teatro. Il film è tratto dall'omonima commedia teatrale e ha ricevuto nel 2013 il Nastro d'Argento. Oltre ai già citati, vogliamo ricordare anche Lidia Vitale, Antonio Gerardi e Paolo Sassanelli.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 07:12:00 2018-07-21 08:50:00 Europe/Rome Tutti contro tutti Agostino (Rolando Ravanello) è un modesto muratore, che vive con la moglie Anna (Kasia Smutniak), i figli Lorenzo (Raffaele Lorio) ed Erica (Agnese Ghinassi), e l'anziano nonno Rocco (Stefano Altieri), in un piccolo appartamento in affitto in una palazzina alla periferia di Roma. Quello che sembra un giorno di festa, come i festeggiamenti per la prima comunione di Lorenzo, si trasforma in realtà in un vero e proprio incubo. Di ritorno dalla cerimonia, infatti, la famiglia trova la propria casa occupata abusivamente dalla famiglia meridionale dei Rizzuti e la serratura della porta cambiata.In un primo momento Agostino, tenta con le buona maniere di dialogare con la famiglia occupante ma senza risultati, e dopo essersi recato alla polizia per denunciare l'accaduto scopre che l'affitto veniva pagato in nero, senza nessun tipo di contratto e che quindi non ha alcun diritto di riappropriarsi della propria casa.Agostino non demorde, e deciso a riprendersi casa, occupa con tutta la famiglia e il cognato Sergio (Marco Giallini), il pianerottolo della palazzina, costruendosi un bagno sul terrazzo condominiale e inziando a suscitare l'ostilità dei suoi vicini che temono l'occupazione dei loro appartamenti da parte di Agostino.Ma ben presto la situazione precipita, e la lotta tra la famiglia dei Rizzuti e quella di Agostino finisce per coinvolgere l'intero e multietnico condominio. In questa guerra epocale, sarà necessario un piano ingegnoso per rivendicare il diritto inalienabile ad una casa. "Tutti contro tutti" è un film del 2013, diretto e sceneggiato dall'attore teatrale Rolando Ravello, che aveva incarnato lo stesso personaggio a teatro. Il film è tratto dall'omonima commedia teatrale e ha ricevuto nel 2013 il Nastro d'Argento. Oltre ai già citati, vogliamo ricordare anche Lidia Vitale, Antonio Gerardi e Paolo Sassanelli. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Noi e la giulia

Diego (Luca Argentero), Fausto (Edoardo Leo) e Claudio (Stefano Fresi) sono tre perfetti sconosciuti insoddisfatti delle proprie vite e dei fallimenti nei rispettivi campi lavorativi. Conosciutisi per caso, i tre decidono di scappare insieme dai frenetici ritmi della città e di stabilirsi in campagna dove per sopravvivere, pianificano di comune accordo di aprire un agriturismo ristrutturando un vecchio casale abbandonato. Per rimettere a nuovo la location e prepararla per l’inaugurazione, il trio riceve il fondamentale aiuto di Sergio (Claudio Amendola), un creditore di Fausto, Elisa (Anna Foglietta), una donna delle pulizie in attesa di un bimbo, e Abu (Rufin Doh Zeyenouin), un ghanese tuttofare. La brigata però si trova a dover affrontare diversi ostacoli prima di arrivare alla tanto attesa serata di apertura e tra questi il più importante è rappresentato dalle continue visite dei camorristi della zona. Il primo di loro a presentarsi per chiedere il pizzo, Vito (Carlo Buccirosso), però viene tramortito e sequestrato dagli aspiranti ristoratori insieme alla sua Alfa Romeo Giulia 1300, soluzione che il gruppo adotta anche per le successive visite dei malavitosi, peggiorando così sempre più la propria posizione e rischiando di vanificare tutti gli sforzi fatti per aprire il locale. "Noi e la Giulia" è una commedia del 2015 diretta da Edoardo Leo e tratta dal libro 'Giulia 1300 e altri miracoli' di Fabio Bartolomei. Nel cast troviamo anche: Mattia Sbragia (Padre Diego), Apetor Afiwayi (Claretta), Carmine Battaglia (Antonio) e Federico Torre (Maresciallo). Mattia Sbragia (Padre Diego) Apetor Afiwayi (Claretta) Carmine Battaglia (Antonio) e Federico Torre (Maresciallo).
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 08:50:00 2018-07-21 10:48:00 Europe/Rome Noi e la giulia Diego (Luca Argentero), Fausto (Edoardo Leo) e Claudio (Stefano Fresi) sono tre perfetti sconosciuti insoddisfatti delle proprie vite e dei fallimenti nei rispettivi campi lavorativi. Conosciutisi per caso, i tre decidono di scappare insieme dai frenetici ritmi della città e di stabilirsi in campagna dove per sopravvivere, pianificano di comune accordo di aprire un agriturismo ristrutturando un vecchio casale abbandonato. Per rimettere a nuovo la location e prepararla per l’inaugurazione, il trio riceve il fondamentale aiuto di Sergio (Claudio Amendola), un creditore di Fausto, Elisa (Anna Foglietta), una donna delle pulizie in attesa di un bimbo, e Abu (Rufin Doh Zeyenouin), un ghanese tuttofare. La brigata però si trova a dover affrontare diversi ostacoli prima di arrivare alla tanto attesa serata di apertura e tra questi il più importante è rappresentato dalle continue visite dei camorristi della zona. Il primo di loro a presentarsi per chiedere il pizzo, Vito (Carlo Buccirosso), però viene tramortito e sequestrato dagli aspiranti ristoratori insieme alla sua Alfa Romeo Giulia 1300, soluzione che il gruppo adotta anche per le successive visite dei malavitosi, peggiorando così sempre più la propria posizione e rischiando di vanificare tutti gli sforzi fatti per aprire il locale. "Noi e la Giulia" è una commedia del 2015 diretta da Edoardo Leo e tratta dal libro 'Giulia 1300 e altri miracoli' di Fabio Bartolomei. Nel cast troviamo anche: Mattia Sbragia (Padre Diego), Apetor Afiwayi (Claretta), Carmine Battaglia (Antonio) e Federico Torre (Maresciallo). Mattia Sbragia (Padre Diego) Apetor Afiwayi (Claretta) Carmine Battaglia (Antonio) e Federico Torre (Maresciallo). PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Kong: skull island

1973. Sul finire della guerra in Vietnam, Monarch, una società segreta con in dotazione potenti tecnologie satellitari, organizza una missione esplorativa su una misteriosa isola nel Pacifico, l’Isola dei Teschi, che pare abitata da misteriose creature. Candidato all’Oscar per Migliori effetti speciali, il film fa parte dello stesso universo della serie Godzilla, realizzato anch'esso dalla Legendary Pictures nel 2014. Nel 2020 è previsto un crossover tra le due creature delle saghe intitolato Godzilla vs. Kong, di cui si può avere un’anticipazione nei post credit. Il regista ha scelto di girare in ambientazioni esotiche durante l’epoca dello scontro in Vietnam e di Nixon per ricordare Apocalypse Now. “Kong: Skull Island” è un film del 2017 diretto da Jordan Vogt-Roberts. Nel cast vediamo: Tom Hiddleston (capitano James Conrad), Brie Larson (Mason Weaver), Samuel L. Jackson (tenente colonnello Preston Packard), John Goodman (William "Bill" Randa), Jing Tian (San Lin), John C. Reilly (Hank Marlow). Tom Hiddleston (capitano James Conrad) Brie Larson (Mason Weaver) Samuel L.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 10:48:00 2018-07-21 12:48:00 Europe/Rome Kong: skull island 1973. Sul finire della guerra in Vietnam, Monarch, una società segreta con in dotazione potenti tecnologie satellitari, organizza una missione esplorativa su una misteriosa isola nel Pacifico, l’Isola dei Teschi, che pare abitata da misteriose creature. Candidato all’Oscar per Migliori effetti speciali, il film fa parte dello stesso universo della serie Godzilla, realizzato anch'esso dalla Legendary Pictures nel 2014. Nel 2020 è previsto un crossover tra le due creature delle saghe intitolato Godzilla vs. Kong, di cui si può avere un’anticipazione nei post credit. Il regista ha scelto di girare in ambientazioni esotiche durante l’epoca dello scontro in Vietnam e di Nixon per ricordare Apocalypse Now. “Kong: Skull Island” è un film del 2017 diretto da Jordan Vogt-Roberts. Nel cast vediamo: Tom Hiddleston (capitano James Conrad), Brie Larson (Mason Weaver), Samuel L. Jackson (tenente colonnello Preston Packard), John Goodman (William "Bill" Randa), Jing Tian (San Lin), John C. Reilly (Hank Marlow). Tom Hiddleston (capitano James Conrad) Brie Larson (Mason Weaver) Samuel L. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Flags of our fathers

La sanguinosa battaglia per la conquista della vetta di Iwo Jima rappresentò ben piú di un momento decisivo nella II Guerra Mondiale. Fu il momento decisivo nella vita di 70.000 marine. Durante la battaglia la bandiera americana venne innalzata alla cima del monte Suribachi e la foto di quel momento divenne celebre in tutto il mondo come simbolo dello spirito di sacrificio americano e della causa alleata. I tre soldati della foto che sono sopravvissuti, Rene Gagnon, John Bradley e Ira Hayes, al ritorno in patria si impegnano nella raccolta fondi in favore del conflitto. Ma la foto è un falso, la scena è stata ricostruita a beneficio del fotografo, e le onorificenze che gli vengono tributate li rendono sempre piú consapevoli di essere solo un simbolo, mentre migliaia di veri eroi hanno perso la vita a Iwo Jima. Clint Eastwood trae il racconto dal best-seller di James Bradley confezionando una pellicola amara. Il regista americano ha firmato un secondo film sulla stessa battaglia intitolato "Lettere da Iwo Jima", che però ritrae il punto di vista giapponese.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 12:48:00 2018-07-21 15:02:00 Europe/Rome Flags of our fathers La sanguinosa battaglia per la conquista della vetta di Iwo Jima rappresentò ben piú di un momento decisivo nella II Guerra Mondiale. Fu il momento decisivo nella vita di 70.000 marine. Durante la battaglia la bandiera americana venne innalzata alla cima del monte Suribachi e la foto di quel momento divenne celebre in tutto il mondo come simbolo dello spirito di sacrificio americano e della causa alleata. I tre soldati della foto che sono sopravvissuti, Rene Gagnon, John Bradley e Ira Hayes, al ritorno in patria si impegnano nella raccolta fondi in favore del conflitto. Ma la foto è un falso, la scena è stata ricostruita a beneficio del fotografo, e le onorificenze che gli vengono tributate li rendono sempre piú consapevoli di essere solo un simbolo, mentre migliaia di veri eroi hanno perso la vita a Iwo Jima. Clint Eastwood trae il racconto dal best-seller di James Bradley confezionando una pellicola amara. Il regista americano ha firmato un secondo film sulla stessa battaglia intitolato "Lettere da Iwo Jima", che però ritrae il punto di vista giapponese. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Hereafter

George (Matt Damon), un operaio americano, vive a San Francisco. Ha un dono: riesce a collegarsi con i defunti, ma da tempo ormai non sopporta oiù avere intorno persone che gli chiedano di poter parlare con i loro cari nell'Aldilà... Marie (Cécile de France) è una giornalista di Parigi che sopravvive miracolosamente ad uno tsunami in Indonesia, vivendo un'esperienza tra la vita e la morte che sconvolge le sue certezze. Marcus e Jason (George McLaren e Frankie McLaren), due giovanissimi gemelli, vivono a Londra e devono prendersi cura della madre tossicodipendente. Le loro vite, in un modo o nell'altro, s'intrecciano e verranno cambiate per sempre da quello che credono esista, o debba esistere, nell'altro mondo. "Hereafter"  è diretto dal regista Clint Eastwood che qui azzarda l'esplorazione della morte, interrogando e interrogandosi su questioni filosofiche e spirituali. Nel 2011 il film fu insignito con un David di Donatello (Miglior film straniero ad Eastwood). Nel cast  inoltre: Bryce Dallas Howard, Lyndey Marshal, Thierry Neuvic, Jay Mohr, Richard Kind, Marthe Keller, Mylène Jampanoi. Bryce Dallas Howard Lyndey Marshal Thierry Neuvic Jay Mohr Richard Kind Marthe Keller Mylène Jampanoi.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 15:02:00 2018-07-21 17:12:00 Europe/Rome Hereafter George (Matt Damon), un operaio americano, vive a San Francisco. Ha un dono: riesce a collegarsi con i defunti, ma da tempo ormai non sopporta oiù avere intorno persone che gli chiedano di poter parlare con i loro cari nell'Aldilà... Marie (Cécile de France) è una giornalista di Parigi che sopravvive miracolosamente ad uno tsunami in Indonesia, vivendo un'esperienza tra la vita e la morte che sconvolge le sue certezze. Marcus e Jason (George McLaren e Frankie McLaren), due giovanissimi gemelli, vivono a Londra e devono prendersi cura della madre tossicodipendente. Le loro vite, in un modo o nell'altro, s'intrecciano e verranno cambiate per sempre da quello che credono esista, o debba esistere, nell'altro mondo. "Hereafter"  è diretto dal regista Clint Eastwood che qui azzarda l'esplorazione della morte, interrogando e interrogandosi su questioni filosofiche e spirituali. Nel 2011 il film fu insignito con un David di Donatello (Miglior film straniero ad Eastwood). Nel cast  inoltre: Bryce Dallas Howard, Lyndey Marshal, Thierry Neuvic, Jay Mohr, Richard Kind, Marthe Keller, Mylène Jampanoi. Bryce Dallas Howard Lyndey Marshal Thierry Neuvic Jay Mohr Richard Kind Marthe Keller Mylène Jampanoi. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Gran torino

Walt Kowalski (Clint Eastwood) ha perso la moglie e la presenza al funerale dei figli e delle rispettive famiglie poco gli interessa. Sua unica passione, oltre la birra e la sua cagnetta, è la propria Ford Torino, modello classico del 1972, gelosamente custodita in garage. Walt è un reduce della guerra di Corea e non mostra pudore nel manifestare il proprio sentimento anticoreano, tanto più ora che il quartiere dove abita è diventato il principale centro suburbano della comunità asiatica. Quando però le schermaglie arrivano ad interessare il suo vicino di casa di etnia Hmong, nonostante questi abbia cercato di rubargli la sua adorata autovettura, Kowalski interviene in sua difesa, mettendo a repentaglio la sua stessa vita. Per il suo ultimo film come attore, Clint Eastwood che firma la regia del film nel 2008, ha deciso di raccontare una storia piccola, intima, che parla di riappacificazione, di fine dell'odio, di speranza. Sorprendentemente snobbato agli Oscar, è stato campione d'incassi negli Stati Uniti, mettendo d'accordo pubblico e critica. Al suo fianco nel cast: Bee Vang (Thao), Ahney Her (Sue Lor), Cory Hardrict (Duke), Christopher Carley (padre Janovich), John Carroll Lynch (Martin il barbiere), Geraldine Hughes (Karen), Drema Walker (Ashley), Brian Haley (Mitch), Brain Howe (Steve).
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 17:12:00 2018-07-21 19:04:00 Europe/Rome Gran torino Walt Kowalski (Clint Eastwood) ha perso la moglie e la presenza al funerale dei figli e delle rispettive famiglie poco gli interessa. Sua unica passione, oltre la birra e la sua cagnetta, è la propria Ford Torino, modello classico del 1972, gelosamente custodita in garage. Walt è un reduce della guerra di Corea e non mostra pudore nel manifestare il proprio sentimento anticoreano, tanto più ora che il quartiere dove abita è diventato il principale centro suburbano della comunità asiatica. Quando però le schermaglie arrivano ad interessare il suo vicino di casa di etnia Hmong, nonostante questi abbia cercato di rubargli la sua adorata autovettura, Kowalski interviene in sua difesa, mettendo a repentaglio la sua stessa vita. Per il suo ultimo film come attore, Clint Eastwood che firma la regia del film nel 2008, ha deciso di raccontare una storia piccola, intima, che parla di riappacificazione, di fine dell'odio, di speranza. Sorprendentemente snobbato agli Oscar, è stato campione d'incassi negli Stati Uniti, mettendo d'accordo pubblico e critica. Al suo fianco nel cast: Bee Vang (Thao), Ahney Her (Sue Lor), Cory Hardrict (Duke), Christopher Carley (padre Janovich), John Carroll Lynch (Martin il barbiere), Geraldine Hughes (Karen), Drema Walker (Ashley), Brian Haley (Mitch), Brain Howe (Steve). PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno






Giffoni film festival

Aggiornamenti dalla 48esima edizione del Giffoni Film Festival.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 19:04:00 2018-07-21 19:15:00 Europe/Rome Giffoni film festival Aggiornamenti dalla 48esima edizione del Giffoni Film Festival. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





Youth

"Youth - La giovinezza" film scritto e diretto dal Premio Oscar Paolo Sorrentino, già regista di pellicole di grande successo come "Il Divo", "La grande bellezza" e "This must be the place". Fred Ballinger (Michael Caine) è un anziano direttore d’orchestra che ha abbandonato il palcoscenico da anni. L’uomo rimpiange la sua giovinezza e i giorni passati mostrandosi apatico nei confronti del mondo che lo circonda. Fred trascorre le sue giornate nella tranquillità delle Alpi Svizzere dove risiede in vacanza con la figlia Lena (Rachel Weisz), con la quale vive un rapporto tormentato,e l’amico di sempre, Mick Boyle (Harvey Keitel), vecchio regista ancora in attività.I due amici hanno due visioni della vita opposte con Fred che non vede nessuna prospettiva davanti a se mentre Mick vive con un spirito positivo e con l’obiettivo di realizzare il suo ultimo film che sarà il suo testamento artistico. Ma Fred riceverà un importante proposta: quella di suonare per la Regina Elisabetta II e il principe Philip ma declinerà subito l’invito motivando di aver composto le sue melodie esclusivamente perché fossero intonate dalla moglie Melanie. Ma gli eventi prenderanno il sopravvento ponendo i due amici di fronte a difficili verità da accettare e alla consapevolezza che in fondo non tutto è perduto nonostante l’avanzare degli anni."Youth - La Giovinezza" diretta da Paolo Sorrentino nel 2015 è stata dedicata al regista Francesco Rosi ed è stata presentata in concorso al Festival di Cannes 2015. Nel cast segnaliamo anche: Paul Dano, Jane Fonda, Tom Lipinski, Mark Kozelek e Paloma Faith. Le musiche sono state curate da David Lang. Paul Dano Jane Fonda Tom Lipinski Mark Kozelek e Paloma Faith.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 19:15:00 2018-07-21 21:23:00 Europe/Rome Youth "Youth - La giovinezza" film scritto e diretto dal Premio Oscar Paolo Sorrentino, già regista di pellicole di grande successo come "Il Divo", "La grande bellezza" e "This must be the place". Fred Ballinger (Michael Caine) è un anziano direttore d’orchestra che ha abbandonato il palcoscenico da anni. L’uomo rimpiange la sua giovinezza e i giorni passati mostrandosi apatico nei confronti del mondo che lo circonda. Fred trascorre le sue giornate nella tranquillità delle Alpi Svizzere dove risiede in vacanza con la figlia Lena (Rachel Weisz), con la quale vive un rapporto tormentato,e l’amico di sempre, Mick Boyle (Harvey Keitel), vecchio regista ancora in attività.I due amici hanno due visioni della vita opposte con Fred che non vede nessuna prospettiva davanti a se mentre Mick vive con un spirito positivo e con l’obiettivo di realizzare il suo ultimo film che sarà il suo testamento artistico. Ma Fred riceverà un importante proposta: quella di suonare per la Regina Elisabetta II e il principe Philip ma declinerà subito l’invito motivando di aver composto le sue melodie esclusivamente perché fossero intonate dalla moglie Melanie. Ma gli eventi prenderanno il sopravvento ponendo i due amici di fronte a difficili verità da accettare e alla consapevolezza che in fondo non tutto è perduto nonostante l’avanzare degli anni."Youth - La Giovinezza" diretta da Paolo Sorrentino nel 2015 è stata dedicata al regista Francesco Rosi ed è stata presentata in concorso al Festival di Cannes 2015. Nel cast segnaliamo anche: Paul Dano, Jane Fonda, Tom Lipinski, Mark Kozelek e Paloma Faith. Le musiche sono state curate da David Lang. Paul Dano Jane Fonda Tom Lipinski Mark Kozelek e Paloma Faith. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno





La grande bellezza

Jep Gambardella (Toni Servillo), giornalista e critico teatrale, dopo aver pubblicato in gioventù l'unico suo libro, "l'apparato umano", per altro apprezzato, non ha scritto più nulla e vive di rendita della notorietà guadagnatasi nel passato. Col susseguirsi del tempo, Jep che frequenta gli alti borghi della società romana, ha fatto scopo della sua esistenza la continua partecipazione a feste, eventi e celebrazioni. Frequenta quasi ogni notte lo stesso gruppetto di amici intimi e durante questi incontri prende sempre più coscienza della futilità e dell'inutilità della sua esistenza e di come la società romana non sia più quella splendida di un tempo, ma trasformata, decaduta, in netto contrasto con la bellissima opulente città di Roma che fa da sfondo.L'incontro casuale con il marito di Elisa, suo forse unico vero amore, che gli comunica della sua morte, fa riaccendere in lui assieme al ricordo del loro primo incontro e del loro innocente amore, anche un nuovo ottimismo e una speranza... quella di ritornare a scrivere."La grande bellezza" diretto da Paolo Sorrentino nel 2013, è stato presentato nello stesso anno in concorso al Festival di Cannes ed ha vinto il Premio Oscar come miglior film in lingua straniera, inoltre ha conseguito il Golden Globe come miglior film straniero, il BAFTA come miglior film in lingua straniera, quattro European Film Awards, cinque Nastri d'Argento e numerosi altri premi internazionali.Numerosa la rosa degli interpreti tra cui Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte, Giovanna Vignola, Pamela Villoresi, Galatea Ranzi, Franco Graziosi, Sonia Gessner, Giorgio Pasotti, Giusi Merli, Dario Cantarelli, Roberto Herlitzka, Serena Grandi, Isabella Ferrari.
Aggiungi al Calendario 2018-07-21 21:23:00 2018-07-21 23:48:00 Europe/Rome La grande bellezza Jep Gambardella (Toni Servillo), giornalista e critico teatrale, dopo aver pubblicato in gioventù l'unico suo libro, "l'apparato umano", per altro apprezzato, non ha scritto più nulla e vive di rendita della notorietà guadagnatasi nel passato. Col susseguirsi del tempo, Jep che frequenta gli alti borghi della società romana, ha fatto scopo della sua esistenza la continua partecipazione a feste, eventi e celebrazioni. Frequenta quasi ogni notte lo stesso gruppetto di amici intimi e durante questi incontri prende sempre più coscienza della futilità e dell'inutilità della sua esistenza e di come la società romana non sia più quella splendida di un tempo, ma trasformata, decaduta, in netto contrasto con la bellissima opulente città di Roma che fa da sfondo.L'incontro casuale con il marito di Elisa, suo forse unico vero amore, che gli comunica della sua morte, fa riaccendere in lui assieme al ricordo del loro primo incontro e del loro innocente amore, anche un nuovo ottimismo e una speranza... quella di ritornare a scrivere."La grande bellezza" diretto da Paolo Sorrentino nel 2013, è stato presentato nello stesso anno in concorso al Festival di Cannes ed ha vinto il Premio Oscar come miglior film in lingua straniera, inoltre ha conseguito il Golden Globe come miglior film straniero, il BAFTA come miglior film in lingua straniera, quattro European Film Awards, cinque Nastri d'Argento e numerosi altri premi internazionali.Numerosa la rosa degli interpreti tra cui Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte, Giovanna Vignola, Pamela Villoresi, Galatea Ranzi, Franco Graziosi, Sonia Gessner, Giorgio Pasotti, Giusi Merli, Dario Cantarelli, Roberto Herlitzka, Serena Grandi, Isabella Ferrari. PremiumCinema - Guidatv.uno Guidatv.uno